venerdì 6 aprile 2012

Castle - spoiler ep 4x21, 4x22 e 4x23 + "piccolo" extra

Andrew Marlowe parla della quinta stagione con InsideTv:
Sarà interessante vedere la relazione tra Castle e Beckett la prossima stagione una volta che avremo molte carte in tavola, i due avranno avuto confronti fondamentali e ognuno di loro saprà cosa l'uno provi per l'altro.
E' qualcosa che offrirà delle storie intense e divertenti. Enfasi su divertenti, perché Marlowe riconosce come questa stagione non lo sia stata quanto le precedenti, perché si è preferito renderla appropriata all'arco narrativo della stagione e allo stato emotivo dei personaggi.

- Il misterioso personaggio che farà ritorno è una donna, collegata ad un ex series regular - TvLine
ULTIMISSIMA - TvLine ha confermato che si tratta della moglie di Montgomery, Evelyn.

- Riguardo la ragione per cui Beckett abbia mentito a Castle circa il ricordare quel giorno: "Nei prossimi episodi ci sono altre cose che saranno affrontate e che spiegheranno perché lei lo abbia fatto. Potrebbe non avere nulla a che fare con cosa lei provi per Castle e ci sono tante ragioni per cui le persone mentono. Qualche volta anche per protezione." - Andrew Marlowe a GiveMeMyRemote

4x21 - Con la tensione crescente tra Castle e Beckett, Castle si trova un nuovo partner, il detective Ethan Slaughter (Adam Baldwin), un poliziotto duro dal linguaggio colorito della sezione contro le bande di strada.
Ma Castle ottiene più di quanto avesse concordato, quando Slaughter gli mostra un lato più crudo del lavoro da poliziotto, mettendo Castle sulla linea di fuoco più di quanto lo sia mai stato.
L'episodio, scritto da Alexi Hawley e diretto da John Terlesky, andrà in onda lunedì 16 Aprile.
Guest Cast: Adam Baldwin nei panni di Ethan Slaughter, Michael McGrady nei panni di Brian Reilly, Michael Dorn nei panni del dottor Carter Burke. - ABC
- Durante la sua prossima seduta con il dottor Burke, Beckett affronterà la questione del cambiamento di Castle e cosa lei voglia e per cosa si senta pronta. - TvLine
- Castle sente mancare di ispirazione, quando vede ai notiziari il Detective Slaughter, e pensa che questo poliziotto possa essere la "musa" di cui ha bisogno al momento. - InsideTv
- Promostill
- immagini del dietro le quinte: 1 - 2 - 3
---
- Promo con Adam Baldwin

4x22 - Ross Kurt Le sarà Aleem. - Kabookit
- Castle e Beckett sono ancora ai ferri corti in questo episodio, dovendo avere ancora a che fare con i loro problemi [InsideTv], però Castle inizierà a riconsiderare il suo comportamento, dettato dalla rabbia post-rivelazione, anche sulla base del segreto che lui sta tenendo nascosto a Beckett [GiveMeMyRemote].
---

4x23 - Evelyn, la moglie di Montgomery, farà ritorno nell'episodio. - TvLine
- Tahmoh Penikett (Battlestar Galactica, Dollhouse) comparirà nel finale nel ruolo di Cole MAddox, un uomo freddo e calcolatore con un passato da militare. - TvLine
- Intervista di Malowe per GiveMeMyRemote:
* Il caso dell'episodio è collegato a quello della madre di Beckett e alla sparatoria che ha coinvolto quest'ultima, e questo costringerà Castle a parlare con Beckett del suo segreto.
* Il caso farà da catalizzatore e costringerà Castle e Beckett ad affrontare i problemi che ci sono tra di loro.
* Il padre di Beckett, Jim, è nell'episodio.
* Riguardo la possibilità che C&B siano separati per un'altra estate, dice testualmente: "Negli anni passati, ci sono state occasioni mancante e incomprensioni a concludere la stagione. Questa è la stagione in cui mettiamo le carte in tavola. E non darò indicazioni circa come andrà. Ma affrontiamo le cose direttamente."
* Ci saranno dei riferimenti all'omicidio e al segreto di Montgomery.
* Probabilmente vedremo la consegna dei diplomi di Alexis o quantomeno ascolteremo un discorso per la cerimonia.
* Gates ha un ruolo significativo nel finale e ci sarà anche l'anno prossimo (giusto precisarlo per chi pensasse fosse qualche spia di "The Dragon").
---

Qui finiscono gli spoiler, quello che segue sono delle riflessioni personali, che potete anche risparmiarvi XD

Leggendo l'ultima intervista di Marisa Roffman, ho trovato alcune risposte di Marlowe parecchio interessanti, in particolar modo per alcune lamentele riguardanti questa stagione. Vi riporto gli estratti, non tradotti, con le conclusioni che ne ho tratto, così da lasciarvi liberi di fare altrettanto.

That’s good to hear. Aside from the last couple episodes, there really hasn’t been as much time paid to the secrets the two are keeping from each other (aside from the occasional winks to the audience). Do you ever wish you had touched upon it more early on, or are you happy that you guys got to tackle it full-steam heading towards the season finale?
AM:
You know, it was never our intent to make the show overly serialized. We want the show to be friendly and if people are coming to revisit the show, they can visit their favorite show without the weight of all the relationship stuff. So we did have plans to touch on it in a few key episodes along the way, and we’ve gone according to plan, for better or for worse. Our audience members have different opinions about that. Some people think we’ve handled it well, some people get frustrated, some people have wanted more overt declarations. We get that. We get that we’re not going to make everybody happy. But we’ve been doing what we think is right for these characters, what is appropriate for these characters.
Beckett is somebody who has never worn her heart on her sleeve and we’ve known that she’s been working on some of these issues behind-the-scenes. We know that she’s been seeing her therapist, we know that she’s been making progress, and those are some issues that we’ve dealt with and we will continue to deal with leading up to the finale.
And we know the weight that’s been on Castle’s shoulders the whole time. We know how he feels about her. So he’s been in this bizarre Catch-22, where she said to him that she’s not going to be ready until she’s able to solve some of these issues. So we felt if we had touched upon it [more], we would have gotten into a situation where we were just repeating the same beats. And that the real way to deal with it was when it was the appropriate time, to bring it to the forefront, watch the fireworks and see what happens.

Non so se esista una parola per tradurre in italiano "serialized," senza farmi pensare all'analisi matematica con "serialità," ma per chiarire il concetto, significa proporre episodi con storie collegate tra loro, esattamente come se fossero prodotti in serie, non capiremmo il terzo episodio senza aver visto i primi due. Con esempi telefilmici, in CSI la "serialità" è assente quasi totalmente; non mi sono persa un solo episodio delle prime 11 stagioni, eppure non ricordo il nome della figlia di Catherine Willows. In realtà, come spettatore, la cosa non mi ha mai interessato, perché la serie non è stata mai "serializzata" sin dalla prima puntata.
Da non confondere il fatto che Castle, come anche CSI, sia un procedurale e che questo fattore escluda la "serialità." The Good Wife è un procedurale eppure ha storie principali e secondarie perfettamente intrecciate tra di loro in più episodi di una stessa o di diverse stagioni.
Fatta questa premessa, cosa ha comportato questa scelta stilistica per Castle? Vuoti di continuità e tanti episodi stand-alone. Quelli che lui dice essere inutili e ripetitivi elementi che appesantirebbero la visione degli spettatori più casuali, sono ciò che rendono coerente il comportamento di un personaggio. Uno spettatore non casuale non comprende perché Beckett si chieda cosa Castle stia aspettando, dopo la chiacchierata alle altalene e le sedute dal Dottor Burke. Ed è meglio che non inizi a parlare della cicatrice, perché mi fa ricordare come Beckett, una ragazza sveglia, non si sia resa conto di cosa abbia fatto scatenare il cambiamento in Castle.
Castle non l'ho mai vissuto come CSI, quello che accade ai personaggi mi interessa, perché Rick ci ha insegnato a voler svelare i misteri attorno ciascuno e non a lasciare tutto al dietro le quinte.

Fair enough. One of the earlier concerns this season was from Castle’s family about his safety while shadowing the NYPD. If he continues to do this, is there any talk about him getting some sort of training so he isn’t as vulnerable as a civilian would be?
AM:
Don’t you think a little bit of training would actually make him more dangerous?

Probably.
AM:
You always have to be careful with that. One of the things we love about Castle is that he operates outside the system. And if he got training and he became a junior detective and he was forced into the same constraints as everybody else, we feel it may cut off some of our fun storytelling.

Quindi niente addestramento per Castle, a cui secondo me qualche lezione di autodifesa non farebbe male. Non devono per forza dargli una pistola in servizio per essere d'aiuto senza costituire un ulteriore pericolo o perdere la sua imbranataggine.

On that note, is there a frustration over spoilers? Inevitably, people talk about what’s coming up, which can lead to out-there expectations and actual surprises being ruined. Are you okay with things being discussed and revealed — to an extent, of course — or is your instinct to try and lock everything down?
AM:
You know, some of the spoilers we’re fine with. We do want people to watch, we do want people to be excited. We know that — or at least I know that I have to tease the two of them are going to put their cards on the table and confront things at the end of the season, because I think for our loyal fans, the next couple episodes could try their patience if they don’t know it’s leading to something.
But I’m not going to reveal everything about if or whether or what it’s like or whether they’re going to be satisfied or disappointed. But I know there are certain promises we have to make to keep them engaged. And then moving forward, we’ve always tried to honor the characters and what their relationships are. And you can’t listen too closely to the fan base because what they say they want isn’t necessarily what they want. And I think that our characters declare what they want more loudly than our fan base does. And as long as we’re honoring them and not violating who they are, we feel like we’re doing a good job. And it’s less anxiety-ridden for us here because we know where we’re going. So if you know how the game ends, you’re not as worried when your team is down by 20 points.

Visto l'argomento spoiler, la questione si fa personale per me XD
Son d'accordissimo con la sua politica di raffreddare le reazioni negative dei fan in questo modo. Io onestamente al suo posto temerei anche per la mia vita con quello che si è visto negli ultimi due episodi, soprattutto dopo aver dato suggerimenti ai fan l'anno scorso in "One Life to Lose." Ma non mi può dire che io, come fan, non sappia cosa voglia e poi affermare "Noi onoriamo (i personaggi) senza violare quello che sono" che è esattamente quello che io voglio.
Cosa che comunque non vedo rispettato, quando mi si mette in standby un personaggio, leggasi Richard Castle, che per più di metà stagione sembra aver subito tutto passivamente, per poi essere scoppiato in una reazione, comprensibile, pensando al sesso maschile, ma esagerata se si ripensa alla prima versione del personaggio.
Da Hart Hanson, l'arroganza è l'ultima cosa da prendere in esempio. Ascoltare i fan, non fa male, fino a quando quello che si fa non diventa un atto disperato per (ri)conquistarli, ma soprattutto perché nessuno obbliga a dar loro retta, non perdendo l'occasione di ricevere qualche buona dritta, gratuita ma appassionata.

In conclusione, volendo dare uno sguardo dalla prospettiva di Marlowe, si riesce a dare un senso a molte cose, pur non rendendole meno sbagliate.



Promo 4x21

Share on Tumblr

JUS IN BELLO - Terza Convention Italiana di Supernatural [Image credits: Jenks]
Per maggiori info, visitate la pagina
comments powered by Disqus